LE FORZE DELLA CULTURA E DELLA CONOSCENZA

LE FORZE DELLA CULTURA E DELLA CONOSCENZA

PER PAOLO BERDINI

Roma sta vivendo ormai da anni una gravissima emergenza politica, sociale, economica, ambientale e culturale per le politiche portate avanti dalle amministrazioni di centro destra e di centro sinistra.

C’è bisogno di una nuova politica nazionale per la Capitale del Paese e Roma ha bisogno di una nuova stagione amministrativa che ispiri quella politica. Allora occorre che le forze di sinistra mettano in campo una profonda innovazione nei programmi, nei metodi di governo e nella cultura amministrativa.

Roma è anche una città indissolubilmente legata alla cultura e all’arte, in tutte le sue molteplici espressioni, e da sempre i lavoratori della cultura e dell’arte hanno rappresentato una delle forze produttive più importanti di questa città. Finora sono state messe in atto politiche i cui effetti porteranno  alla polverizzazione del nostro patrimonio intellettuale e artistico: istituzioni, enti, musei, cinema, teatri hanno chiuso o rischiano la chiusura o sono trasformati in centri commerciali. Tutto questo è per noi inaccettabile, convinti come siamo del ruolo determinante della cultura e della conoscenza per la realizzazione di una vera democrazia fondata sulla partecipazione, l’inclusione e la convivenza tra popoli e storie diverse.

Per questo noi, “operatori della cultura, dell’arte, dell’informazione e della conoscenza”,  firmatari di questo appello chiediamo di votare Paolo Berdini sindaco di Roma:  per dare voce alle speranze di cambiamento e segnare una reale discontinuità con le passate politiche di centro destra e di centro sinistra.

Chiediamo di votare Paolo Berdini sindaco perché crediamo in una sinistra che coinvolga persone, associazioni, reti, organizzazioni della sinistra sociale e culturale, antilibertista e anticapitalista che si batta contro le ingiustizie, la demolizione dei diritti civili, sociali e culturali.

Per porre fine alla desertificazione delle periferie, alla privatizzazione dei beni comuni, agli “sgomberi” dei luoghi della cultura, a politiche che hanno legato la conoscenza, l’arte e tutta la vita formativa alle logiche di mercato.

Chiediamo di votare Paolo Berdini per porre fine alle politiche basate sulla precarietà ed occasionalità degli interventi (notti bianche, bonus, domeniche ai musei, eccetera), sulla sostituzione dei diritti con “regali e mance” da distribuire a discrezione del “principe”, sulla privatizzazione dei diritti e delle istituzioni. Politiche che restituiscono moltissimo in immagine e dal punto di vista economico per chi le promuove, ma in nessun modo influiscono sulla vita vera dei nostri territori, sulle tante periferie, sui bisogni quotidiani, sulla possibilità di arrivare alla cultura nel proprio quartiere, nel rispetto delle possibilità economiche di ognuno.

Chiediamo di votare Paolo Berdini perché vanno messe in atto politiche finalizzate a creare le condizioni culturali, economiche e sociali per accedere alla cultura e ai suoi luoghi; perché serve un intervento strutturale pubblico per mantenere in vita i luoghi di produzione e di fruizione della cultura e dell’arte, impedendone il cambio di destinazione d’uso; per sostenere le mille attività e produzioni di quel mondo diffuso che tutti i giorni e su tutto il territorio col suo lavoro creativo ed artistico contribuisce a far crescere i saperi e la conoscenza, a combattere la passivizzazione e la solitudine.

Perché siano salvaguardate tutte quelle esperienze di base e quegli spazi “occupati” e sottratti alla mercificazione e gestiti dalle forze sociali e culturali del territorio. Così come luoghi della cultura e della produzione artistica devono diventare i tanti edifici pubblici “dismessi” e abbandonati.

Chiediamo di votare Paolo Berdini perché sostiene una nuova idea di città

imperniata su politiche volte a combattere disuguaglianze ed esclusione sociale, perché Roma diventi la città del lavoro e dei diritti, dell’inclusione e della cultura.

Primo firmatario

Citto Maselli

Tanti nomi della cultura hanno sottoscritto l’appello al voto per Paolo Berdini e la lista ‘Roma ti riguarda’, di cui fa parte Rifondazione Comunista, promosso dal nostro compagno regista Citto Maselli. Segnaliamo tra le tante adesioni quelle della cantante Fiorella Mannoia e del vignettista Vauro.

Questo l’elenco completo:

Citto Maselli (regista), Fiorella Mannoia (cantante), Vauro(vignettista, scrittore), Fabio Alberti (fondatore Un ponte per…), Piero Arcangeli (compositore, etnomusicologo), Gianluca Arcopinto(produttore cinematografico), Antonia Baraldi Sani,  Michela Becchis(storica e critica d’arte), Pietro Benedetti (attore), Glauco Benigni (giornalista e scrittore), Gianfranco Bocchinfuso  (chimico-fisico, docente Università di Torvergata), Marina Boscaino (insegnante), Benedetta Buccellato (attrice e autrice), Andrea D’Ambrosio (regista), Loris Campetti (giornalista), Daniele Ceccarini (regista), Massimo Dapporto (attore), Enzo De Camillis (scenografo e regista), Marco Dentici (scenografo), Paolo Favilli (storico, Università di Genova), Francesca Fornario (giornalista e autrice), Emita Frigato(scenografa), Lucilla Galeazzi (cantante), Gabriella Gallozzi(giornalista), Eleonora Gallucci (slavista ricercatrice Università di Torvergata),  Beppe Gaudino (regista e autore cinematografico), Roberto Giannarelli (regista), Mina Giudice (insegnante),  Giovanni Greco (scrittore e regista teatrale), Nunzia Greco (attrice), Andrea Gropplero (regista), Giorgio Inglese (docente universitario), Silvia Innocenzi (regista e produttrice cinematografica), Maria Lenti(poetessa), Guido Liguori (docente Storia del pensiero politico,presidente della International Gramsci Society Italia),  Fabiomassimo Lozzi (regista), Silvia Luzzi (attrice), Salvatore Maira (scrittore, regista),  Giacomo Martini (editore e critico cinematografico),  Sandro Medici (giornalista),  Magda Mercatali (attrice), Raul Mordenti ,Mario Musumeci (candidato alla presidenza del VII municipio) , Nicola Nobile (architetto), Elisabetta Pandimiglio (regista, autrice, filmaker), Giulia Pezzella (insegnate), Paolo Pietrangeli (regista, cantautore),Giancarlo Priori (architetto, docente Università Federico II)Franco Purini (architetto.  Università la Sapienza), Renzo Rossellini (produttore cinematografico e regista),  Nino Russo (regista),  Dardano Sacchetti (sceneggiatore), Isabella Sandri (regista e autrice cinematografico) , Giovanni Saulini (produttore cinematografico), Scipione Semeraro (docente), Massimiliano Tabusi (geografo, docente Università per Stranieri di Siena), Alessandro Triulzi (storico), Stefania Tuzi (architetto – Università di Roma), Antonio Veneziani(poeta), Roberto Zingoni (fisico e artista), Susanna Zirizzotti(giornalista).

2 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu